Losanna (askanews) - I ricorsi di Michel Platini e Joseph Blatter, che contestavano la sospensione provvisoria di 90 giorni inflitta loro dal Comitato etico della Federcalcio mondiale, sono stati respinti dal Comitato d'appello della Fifa.Le sanzioni contro il presidente francese della Uefa e il presidente dimissionario svizzero della Fifa resteranno dunque in vigore, come previsto, sino al 5 gennaio 2016, quasi alla vigilia delle elezioni presidenziali del 26 febbraio. Il provvedimento disciplinare riguarda un controverso pagamento nel 2011 da parte di Blatter a Platini per un importo di 1,8 milioni di euro, a saldo di lavori di consulenza svolti da quest'ultimo dal 1999 al 2002 per la Fifa.Platini, 60 anni, era considerato il grande favorito per la successione a Blatter. La sospensione non esclude de facto la sua candidatura che resta congelata sino al 5 gennaio, impedendogli sino a quel momento di svolgere una campagna di raccolti voti. I due dirigenti del calcio mondiale possono ora solo rivolgersi al Tribunale di arbitrato sportivo di Losanna per un'ultima istanza di giudizio.Allo stato attuale, sono cinque i candidati al vertice Fifa. Si tratta del Principe giordano Ali Al Hussein e di altri quattro outsider, Sheikh Salman Bin Ebrahim Al Khalifa, Jerome Champagne, Gianni Infantino e Tokyo Sexwale.(Immagini Afp)