Napoli (askanews) - Le chiacchiere dopo il match di coppa Italia tra Napoli e Inter (per la cronaca vinta dai nerazzurri per 2 a 0) sono tutte incentrate sulla polemica a sfondo omofobo innescata dalle parole dall'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri che ha apostrofato Roberto Mancini come "frocio e finocchio" negli ultimi minuti della partita.Un'offesa che il tecnico dell'Inter non ha digerito, nonostante le scuse di Sarri che ha ribadito: sono episodi da campo, e lì dovrebbero rimanere."Non è chiaramente un'accusa per gli omosessuali - ha detto - la mia storia dice che non è vero. Ho avuto amici omosessuali e siamo rimasti amici per tutta la vita. È la prima cosa che mi è venuta in mente".Mancini in realtà se l'è legata al dito: gente come Sarri - ha detto il tecnico nerazzurro - fa male al calcio e non dovrebbe allenare: sarei ben felice di essere 'finocchio' se gli uomini fossero come Sarri.L'argomento, intanto, è diventato un trending topic su twitter con l'hastag #sarrimancini, infiammando il dibattito tra i tifosi. In verità più on line che per strada dove i sostenitori, sia dell'una sia dell'altra parte, hanno preferito gettare acqua sul fuoco.La questione, comunque, è approdata sul tavolo della giustizia sportiva che, con tutta probabilità, comminerà a Sarri una pena lieve, ritenendo le sue parole soltanto offensive ma non omofobe.