Aden, Yemen (askanews) - Continuano i raid aerei della coalizione araba guidata dall'Arabia saudita contro le posizioni dei ribelli sciiti huthi che si sono impadroniti della capitale dello Yemen Sanaa, costringendo il governo alla fuga ad Aden, nel sud del paese.Alte colonne di fumo si alzano nella capitale Sanaa dove nei quartieri sud-occidentali un deposito di missili sarebbe stato colpito dagli aerei della coalizione araba impegnata contro le milizie sciite filo-iraniane che hanno rovesciato il presidente Abd Rabbo Mansur Hadi, fuggito a Riad via mare.Altre incursioni hanno preso di mira campi di ribelli huthi e di unità della Guardia repubblicana yemenita nelle località meridionali di Daleh, Taez e Dhammar.Intanto ad Aden si sta organizzando la resistenza contro l'offensiva delle forze ribelli che hanno lanciato sulla città diversi attacchi a colpi di mortaio."Ci stiamo mobilitando, spiega un membro dei comitati popolari locali schierati contro gli huthi. Non entreranno mai nella provincia di Aden, nemmeno di un millimetro".Ma la città ha già assunto i connotati di una città assediata."È scoppiata una bomba nel secondo piano dell'edificio, racconta l'infermiere di una clinica per la cura del diabete. Mi hanno caricato su un'auto e adesso sto bene anche se sono stato ferito alla testa"."Non abbiamo più acqua ed energia elettrica, spiega un altro abitante di Aden. Molti edifici sono stati colpiti e abbiamo portato in ospedale diversi feriti".(Immagini Afp)