Aden (askanews) - Una nave degli Emirati arabi uniti carica di aiuti umanitari per una popolazione stremata da quattro mesi di combattimenti tra ribelli e forze filo-governative, è giunta nel porto di Aden, nello Yemen meridionale. È il secondo cargo a raggiungere la città devastata dagli scontri dallo scoppio del conflitto dopo una nave delle Nazioni Unite giunta nelle ore precedenti."Abbiamo ricevuto anche un carico da parte del World food program dell'Onu, nel dock della raffineria portuale di Aden, sottolinea Badr Basalmeh, ministro yemenita dei Trasporti. Siamo riusciti ad accogliere due navi, dimostrando che tutta l'infrastruttura portuale di Aden è sicura e funzionante".Gli aiuti sono arrivati mentre le truppe leali al presidente Abedrabbo Mansur Hadi, attualmente in esilio in Arabia saudita, stanno intensificando le operazioni militari per riprendere il controllo di Aden, strappandola dalle mani dei ribelli sciiti huthi, appoggiati dall'Iran.Una tregua umanitaria, annunciata dall'Onu il 10 luglio, non si è mai concretizzata a causa del protrarsi inarrestabile della guerra civile che ha causato secondo l'Organizzazione mondiale della sanità 3.640 morti, tra cui 1.693 civili. L'80% della popolazione yemenita, che conta 21 milioni di abitanti, ha un disperato bisogno di aiuti e di protezione mentre sulla base delle valutazioni dell'Onu sono oltre 10 milioni gli yemeniti che oggi hanno difficoltà a procurarsi cibo e acqua potabile.(Immagini Afp)