Washington, (TMNews) - Gli Stati Uniti hanno invitato i loro connazionali a lasciare "immediatamente" la Libia a causa della situazione "imprevedibile e instabile" che regna nel Paese. Lo ha indicato il Dipartimento di Stato."In seguito al presupposto secondo il quale gli stranieri, in particolare i cittadini americani, che si trovano in Libia sono legati a governo o a ong degli Stati Uniti, i viaggiatori devono essere consapevoli che rischiano di essere sequestrati, aggrediti o uccisi", ha spiegato la diplomazia americana.Gli Stati Uniti portano ancora i segni dell'attacco dell'11 settembre 2012 contro il consolato americano di Bengasi, che era costato la vita a quattro americani, tra i quali l'ambasciatore Christopher Stevens. "A causa di problemi di sicurezza, il Dipartimento di Stato non dispone che di un personale limitato all'ambasciata (americana) di Tripoli e non ha che mezzi molto limitati per soccorrere i cittadini americani in Libia", ha aggiunto il Dipartimento di Stato.La situazione in Libia, dove le violenze sono praticamente quotidiane, soprattutto nell'est del Paese, è estremamente confusa.