Tokyo (TMNews) - Proseguono le operazioni di soccorso sul vulcano giapponese Ontake, dopo l'improvvisa e potente eruzione del 27 settembre, che ha bloccato centinaia di escursionisti. Decine le vittime: un bilancio ancora non ufficiale parla di almeno 36 morti i cui cadaveri sono stati recuperati, anche se le autorità giapponesi sono molto caute nell'ammettere i decessi. I soccorritori sono al lavoro in condizioni estremamente difficili, per via soprattutto delle polveri laviche, e numerosi feriti, anche gravi, attendono ancora di essere trasportati a valle per ricevere cure adeguate.L'Ontake è il secondo molte più alto del Giappone, con i suoi 3.067 metri, superato solo dal Fujiama, vulcano simbolo del Paese nipponico. La sua ultima grande eruzione risaliva al 1979.