Parigi, (askanews) - La destra trionfa, la sinistra sprofonda. A due anni dalle elezioni presidenziali francesi del 2017, netta affermazione dell'Ump dell'ex presidente Nicolas Sarkozy alle elezioni dipartimentali e ottimo risultato anche per il Front National di Marine Le Pen, anche se il partito non è riuscito a conquistare neanche un dipartimento; dura sconfitta invece per i socialisti del presidente Francois Hollande, che perdono 27 dipartimenti.L'Ump di Sarkozy e gli alleati centristi (Udi) hanno infatti conquistato il controllo di 66 dipartimenti su 101."I francesi in massa hanno rigettato la politica di Francois Hollande e del suo governo, mai una maggioranza aveva perso così tanti dipartimenti, mai il partito al potere aveva tanta sfiducia e tanto rifiuto. L'alternanza è iniziata e niente potrà fermarla", ha commentato Sarkozy, aggiungendo che ora l'impegno del suo partito sarà quello di ridare fiducia alla gente nella politica.La debacle della sinistra è stata davvero pesante, visto che ha ottenuto solo 33 dipartimenti. Il Front National non ne ha avuto nessuno ma Marin Le Pen ha voluto comunque sottolineare "il grande successo" ottenuto alle urne, considerato la "base per le vittorie di domani"."La destra repubblicana ha vinto le elezioni è incontestabile, ha ammesso il premier Manuel Valls attribuendo la sconfitta socialista alle divisioni della "sinistra".Per Valls, inoltre, la destra di Le Pen ha ottenuto "risultati troppo elevati".Erano circa 40 milioni i francesi chiamati alle urne ieri, ma circa un elettore su due non ha votato.Immagini Afp