Roma (askanews) - Si è conclusa con una lite la prima storica visita di un premier albanese in Serbia in quasi settant'anni. Edi Rama e il collega serbo Aleksandar Vucic hanno avuto un duro scontro verbale in una conferenza stampa che ha chiuso il loro incontro tra i musi lunghi. A dividere i due capi di governo è stato ancora una volta lo status del Kosovo, il piccolo paese dei Balcani occidentali che Rama ha definito "indipendente", mandando su tutte le furie Vucic e facendo riaffiorare vecchie ruggini nonostante un primo scambio di battute all'insegna della distensione.Dunque, mentre per le strade di Belgrado montava la protesta contro la visita di Rama - 68 anni dopo Enver Hoxha - il primo ministro albanese ha chiarito il suo pensiero: "Il Kosovo è indipendente, è riconosciuto da 108 Paesi nel mondo ed è sostenuto da una decisione della Corte internazionale di Giustizia, che è indiscutibile". "Questa", ha aggiunto, "è una realtà irreversibile che deve essere rispettata".Immediata la replica di Vucic: "Non mi attendevo questa provocazione da parte di Rama, non mi aspettavo che parlasse di Kosovo, non vedo che cosa abbia a che fare con il Kosovo. Secondo la Costituzione, il Kosovo fa parte della Serbia e non ha nulla a che fare con l'Albania".