Gerusalemme (askanews) - Il vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, in visita in Israele e nei Territori, ha condannato gli attacchi che prendono di mira gli israeliani. Il vicepresidente, pur con le oblique e tortuose cautele imposte dalla diplomazia, ha messo nel mirino anche la mancata e chiara condanna di questi atti. Un messaggio più esplicito che implicito, diretto alla dirigenza palestinese."Gli Stati Uniti d'America condannano questi atti e condannano anche la loro mancata condanna", ha detto Biden.Il vicepresidente dopo un incontro con il premier Benjamin Netanyahu, ha poi auspicato che venga posto termine in tempi rapidissimi alla catena delle violenze anti israeliane, alla retorica che le giustifica e alle rappresaglie che provoca. Un appello quanto mai urgente. Dopo gli attacchi dei giorni scorsi, nel corso della visita di Biden altri due palestinesi sono stati uccisi dalla polizia dopo aver aperto il fuoco su un autobus a Gerusalemme.Il viaggio di Biden in Israele non nasce dall'esigenze di proporre una nuova iniziativa di pace ma giunge in un contesto assai delicato e complesso in cui le relazioni bilaterali hanno subito un duro colpo, l'ennesimo, dopo che Netanyahu ha respinto l'invito della Casa Bianca a recarsi a Washington per incontrare il presidente statunitense, una decisione definita sorprendente dall'amministrazione Obama.(Immagini Afp)