Trento (askanews) - In Val dei Mocheni il giro del postino comincia dalla farmacia. Siamo in Trentino Alto Adige, vicino Trento: qui gli abitanti, soprattutto gli anziani, insieme alla posta e ai giornali, ricevono dalle mani dei portalettere anche le loro medicine; merito di un servizio di Poste italiane di consegna a domicilio dei farmaci sperimentato per la prima volta in Italia proprio in questa zona nei primi anni del Duemila, col sostegno dei 4 Comuni coinvolti e della Comunità di Valle.Franca Bonecher è una dei tre portalettere in servizio: lei e i suoi colleghi a bordo delle loro auto partono dal Centro di distribuzione di Pergine Valsugana e vanno su e giù per le strade dei Comuni della valle, spesso impervie, soprattutto in inverno. "E' un servizio che a me piace molto perché abbiamo contatto con persone anziane, e a me piace farlo - dice - sono 24 anni che faccio questa zona, ormai fanno parte quasi della nostra famiglia".E' così per la signora Maria Refatti, 105 anni e un figlio lontano per lavoro. "E' una cara persona quella che porta la posta - commenta - mio figlio vive a Mantova però telefona al dottore: 'passi dalla mamma e ordini quello che va bene che io pago'".Un servizio apprezzato ancor di più in queste zone, bellissime ma difficili, come sottolinea Nicola De Tomi, unico farmacista della Valle, località Sant'Orsola, che spiega come funziona la consegna: "Fra un paio di mesi ci saranno 20 cm di neve e voglio vedere come faranno i nostri anziani a muoversi per avere un libero accesso, comodo al farmaco senza questo servizio. Il funzionamento di questo servizio avviene tramite richiesta del medico che invia le ricette per i pazienti in via telematica, io le vedo sul mio pc, dopodiché, su richiesta del mio paziente, io provvedo all'evasione della ricetta e alla preparazione del pacchetto".Il pacchetto viene poi ritirato dal postino che lo consegna direttamente nelle mani del destinatario: dalla richiesta del medico alla spedizione del farmaco passano meno di 24 ore. Il giorno dopo si ricomincia, e i postini riprendono il loro giro quotidiano per consegnare lettere e salute.