Caracas (askanews) - Tredici milioni di firme per la petizione lanciata contro le ultime sanzioni decise dal presidente americano Barack Obama e contro l'etichettatura del Venezuela come una minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti.Il 9 marzo, Obama infatti ha dichiarato il Venezuela una minaccia straordinaria per la sicurezza del suo paese, e ha imposto sanzioni a sette funzionari di Maduro, accusati di aver violato i diritti umani dell'opposizione. La decisione americana ha provocato una levata di scudi e una grande mobilitazione, tanto che l'obiettivo delle 10 milioni di firme è stato rapidamente superato."Il Venezuela e i noi venezuelani non siamo antiamericani, siamo anti-imperialisti" ha detto Maduro che considera una vittoria del suo popolo la grande mobilitazione contro Obama.Le firme verranno consegnate a Obama in occasione del vertice delle Americhe, d terrà a Panama il 10 e l 11 aprile. Il governo venezuelano ha anche incassato un forte sostegno a in campo internazionale, ma anche moltissime critiche, tanto che molti paesi puntano a denunciare Maduro alla Corte Penale internazionale per violazione dei diritti dell'uomo.