Roma, (askanews) - Enogastronomia e motori, il piacere per l'eccellenza del mangiare italiano e le sensazioni forti delle due o delle quattro ruote mito dell'Italia tecnologica. Lentezza e velocità, meglio ancora velocità e lentezza come recita il tour di Città dei Motori, la rete dei comuni del Made in Italy motoristico. Sesta tappa a Maranello, per un evento capace di creare un filo diretto con Expo 2015. Lo spiega Matteo Mauri, della direzione Affari istituzionali dell'evento mondiale milanese:"Abbiamo avuto momenti di estrema lentezza ed altri di grande velocità, la storia delle città dei Motori rappresenta molto bene questa dinamicità".Anci per l Expo chiude così un altra tappa del percorso di Città dei Motori, per il rilancio delle eccellenze del paese. Un lavoro che non si ferma e rilancia la propria creatività vincente e guarda già a scenari futuri. I prossimi orizzonti puntano verso..Papa Francesco, come evidenzia Marco Marturano, del progetto Anci per l'Expo:"Abbiamo lavorato con i Comuni per la promozione turistica e i gemellaggi per gli accordi commerciali con i paesi organizzatori di Expo.Tutto questo ha avuto un così grande successo che stiamo lavorando per rifare la stessa operazione, come Anci, in vista del giubileo 2016".