Mumbai, (TMNews) - C'era una volta l'India rigorosamente vegetariana, ma il boom economico e la sempre maggiore penetrazione culturale dei costumi occidentali sta mettendo in crisi quello che appariva, fino a pochi anni fa, un baluardo insuperabile. La carne, insomma, sta conquistando gli indiani, e perfino nelle aree a maggior presenza vegetariana di Mumbai si vedono locali che propongono spiedini e piatti "non veg" alla griglia."Prima - spiega il cliente di un locale carnivoro - molte persone la mangiavano solo a casa, la gente non se la sarebbe mai sentita di farlo in pubblico". "Molte cucine straniere stanno arrivando in India - aggiunge un altro consumatore - arrivano gli spagnoli, i francesi. Loro hanno molti piatti non vegetariani, e quindi se vuoi provare queste cucine devi essere pronto anche a mangiare carne".Simbolo della penetrazione della cultura straniera nel Subcontinente sono anche le festività, come nel caso di Thanksgiving. "Ormai il Ringraziamento si celebra ogni anno anche a Mumbai - racconta un ristoratore - e riceviamo ordinazioni di tacchini e, sì, anche per Natale, in molti ci chiedono oche e anatre. I tempi sono davvero cambiati".E dunque, ecco che l'industria del pollame indiano vive da tempo un grande boom, e si moltiplicano le micro imprese di allevatori intraprendenti che, anche con pochi mezzi, riescono a fare business. Un altro aspetto della nuova India, dove, comunque, anche le abitudini culinarie straniere vengono sempre proposte in salsa indiana.(Immagini Afp)