Rho (askanews) - Dopo quanto successo a Vaprio D'Adda, dove un giovane è stato ucciso da un pensionato durante un tentativo di rapina, serve una riflessione sul l'istituto giuridico della legittima difesa. Lo ha detto il ministro dell'Interno Angelino Alfano, commentando quanto accaduto a margine di un convegno organizzato dalla polizia a Expo 2015. "Noi ci prendiamo e ci facciamo carico del bisogno di sicurezza di tutti, della paura di chi è aggredito e sappiamo che al tempo stesso uccidere un uomo non è mai una cosa da festeggiare. Però questo ci chiede una grande riflessione anche sull'istituto giuridico della legittima difesa" ha detto Alfano. Il ministro ha poi elencato alcuni dati sulla sicurezza: "Abbiamo un record nell'anno appena trascorso, nel 2014, mai ci sono stati così pochi omicidi, mai così pochi erano stati commessi in Italia, abbiamo raggiunto un record positivo. La sicurezza ci sta dando dei buoni risultati, nel primo semestre i delitti e i reati in generale sono calati del 10 percento, anche furti, rapine in villa, e nell'anno precedente erano calati di un altro 7 percento rispetto al 2013". Il ministro ha parlato di "un risultato che stanno offrendo uomini e donne delle forze dell'ordine con un coordinamento forte nostro dal Viminale, che noi offriamo all'Italia. Stiamo parlando di centinaia di migliaia di reati in meno quest'anno su quello precedente" ha concluso.