Milano (TMNews) - La crisi si fa sentire sulle vacanze degli italiani, che hanno ridotto i periodi di ferie e la distanza delle mete. Ma la passione per le spiagge agostane resta forte: secondo un sondaggio di Confesercenti-Swg, infatti, più di un italiano su due, il 52%, ha scelto di partire nel mese di agosto, mentre luglio è stato preferito dal 38% dei nostri connazionali.E la meta preferita, in ossequio ai più radicati costumi nazionali, resta il mare: dei quasi 13milioni che si possono permettere le vacanze estive, il 50% andrà a godersi, onde sabbia e sole, con un particolare occhio proprio alla tintarella, passione prioritaria per gli italiani in vacanza. Da coltivarsi, in quest'estate un po' più povera, nelle, invero non moltissime, spiagge libere, nella maggior parte dei casi in compagnia di un buon libro.Molto distanziate come preferenze di viaggio le città culturali, che attraggono il 14% dei vacanzieri, mentre al fresco delle montagne d'estate si rilassa solo un italiano su dieci.