Chattanooga (askanews) - Terrorismo interno o folle criminalità, è comunque un incubo per Chattanooga, la città del Tennessee tra Nashville e Atlanta dove un uomo ha aperto il fuoco uccidendo quattro militari, e ferendone altri tre per poi perdere la vita nel corso della sparatoria. Tutto è iniziato alle 10.45 di giovedì mattina, quando Muhammad Youssef Abdulazeez - 24enne nato in Kuwait - si è avvicinato a un centro per il reclutamento della marina americana aprendo il fuoco e uccidendo i quattro militari.Poco dopo l'uomo si è spostato in auto raggiungendo un altra sede, il Navy Operational Support Center and Marine Corps Reserve Center, a circa 10 chilometri di distanza: qui ha sparato di nuovo ferendo un poliziotto e rimanendo ucciso per il colpo esploso da un agente."Vogliamo trattare questo caso come un atto di terrorismo interno" aveva detto procuratore del Tennessee, Bill Killian, che poi ha ritrattato dicendo che si sta indagando per capire che tipo di crimine sia stato commesso.Per ora dunque si procede con prudenza cercando di ricostruire la storia di Abdulazeez, che non ha precedenti penali. Non è chiaro il motivo che lo ha spinto a colpire i due centri militari di Chattanooga. Il padre era stato indagato in passato per terrorismo, mentre lui parlava di Islam su un blog, ma non c'è stata nessuna rivendicazione da parte di gruppi fondamentalisti."Tutte le indagini sono state avviate, l'Fbi lavora in contatto con le autorità locali. Ancora non conosciamo tutti i dettagli, sembra che gli attacchi siano opera di una sola persona" ha detto il presidente americano Obama facendo le condoglianze alle famiglie delle vittime.(immagini AFP)