Richmond (askanews) - Un gruppo di studenti di origine ispanica ha contestato a Richmond, in Virginia, un comizio di Donald Trump, il miliardario candidato alla nomination repubblicana per le presidenziali Usa 2016. Il dissenso non è stato particolarmente gradito dai sostenitori di Trump che hanno ascoltato con entusiasmo i punti principali della sua piattaforma politica, dall'opposizione all'Obamacare, alle dure critiche a Hillary Clinton, sino alle sue posizioni sulle politiche di immigrazione."Se non abbiamo una frontiera, se abbiamo gente disseminata in tutto il nostro paese che non sappiamo da dove viene, non abbiamo più una nazione. Alla fine, non avremo più una nazione".Le politiche dell'aspirante presidente non sono gradite dalle minoranze, specie quelle di origine ispanica, che rivendicano un ruolo importante e significativo all'interno del melting pot statunitense, considerato un ingrediente decisivo per la costruzione della potenza statunitense."Siamo venuti qua per manifestare contro Donald Trump, spiega una studentessa della Virginia Commonwealth University, per denunciare il suo dichiarato razzismo nei confronti degli ispanici e dei neri. Ci opponiamo a tutto il programma che intende adottare per governare questo paese".(Immagini Afp)