Roma (askanews) - L'assemblea del Senato ha respinto, con voto per alzata di mano, le otto questioni pregiudiziali poste sul ddl Cirinnà sulle unioni civili e, subito dopo, anche le tre sospensive presentate sullo stesso provvedimento.Si è aperta ora la discussione generale sul ddl, con l'intervento della senatrice Monica Cirinnà del Pd, che è stata relatrice del ddl in commissione e che porta il suo nome.Sono 110 i senatori iscritti a parlare nella fase di discussione generale sul ddl Cirinnà sulle unioni civili. Secondo i calcoli degli uffici questo potrebbe comportare fino a 21 ore di interventi, che porterebbe il dibattito a durare fino a mercoledì della settimana prossima. Si tratta ovviamente di calcoli ipotetitici, che vanno confortati dall'effettiva durata dei singoli interventi e in definitiva dall'accordo politico sullo svolgimento dell'esame del provvedimento.