Bruxelles (TMNews) - L'Unione europea conta ormai più di mezzo miliardo di abitanti, per l'esattezza 507,4 milioni di persone al 1 gennaio 2014, 100 milioni in più che nel 1960, secondo quanto registrato da Eurostat, l'ufficio europeo di statistica.L'aumento è dovuto a una naturale crescita della popolazione, che corrisponde a circa 80.000 persone, ma soprattutto al saldo migratorio, pari a 700.000 unità in più.Nel 2013, sono nati nei 28 paesi Ue 5,1 milioni di bambini. Il tasso di natalità medio è diminuito rispetto al 2012, passando da 10,4 a 10,0 nascite ogni 1.000 abitanti. Il tasso di natalità più elevato è stato registrato in Irlanda (15,0 per mille), in Francia (12,3) e nel Regno Unito (12,2). Il più debole in Portogallo (7,9), in Italia, Grecia e Germania (8,5).In materia di saldo migratorio è il Lussemburgo il paese che ha accolto più immigrati (+19,0 per mille) rispetto a coloro che hanno lasciato il paese, mentre Cipro quello con il saldo più negativo (-13,9 per mille).