Roma (TMNews) - Sono 5,5 milioni i bambini colpiti dal conflitto in Siria, di cui un milione intrappolati nelle aree sotto assedio o quelle più difficili da raggiungere con l'assistenza umanitaria. E' quanto denuncia l'Unicef nel nuovo rapporto intitolato "Sotto assedio - L'impatto devastante di tre anni di conflitto in Siria sui bambini".Tagliati fuori dall'aiuto umanitario, costretti a vivere tra le macerie e a lottare per trovare qualcosa da mangiare, troppi bambini siriani sono senza protezione, cure mediche e sostegno psicosociale e hanno poco o nessun accesso all istruzione, stando al rapporto. Nei casi peggiori, denuncia l'Unicef, i bambini e le donne incinte sono stati deliberatamente feriti o uccisi dai cecchini.L'Unicef lancia quindi un appello per un'immediata cessazione delle violenze. "Questa guerra deve finire - ha dichiarato il Direttore generale dell'agenzia dell'Onu, Anthony Lake - in modo che i bambini possano tornare alle proprie case e ricostruire le proprie vite in condizioni di sicurezza con le loro famiglie e amici. Questo terribile terzo anno di violenze per i bambini della Siria deve essere l'ultimo".