Per comprendere il Giappone occorre soffermarsi sui “vincoli del passato” che ne condizionano la vita politica, economica e sociale contemporanea. Nel suo nuovo libro, R. Taggart Murphy sottolinea l'errore di chi pensa che il Giappone sia diventato ormai l'Italia dell'Est, ovvero un Paese grande in passato ma ora per lo più da visitare perché si mangia bene e per i suoi templi. L'ex banchiere d'investimento e esperto di economia politica internazionale ritiene invece che il Giappone conti ancora molto sulla scena globale, anche se i retaggi del passato frenano la sua strada verso una maggiore prosperità e autonomia. “Japan and the Shackles of the Past” è affascinante soprattutto nello spiegare le interazioni storiche tra cultura, politica ed economia. E illumina sulla politica americana nei confronti del Sol Levante e sul suo ruolo nel creare le condizioni per il ritorno al potere di Shinzo Abe.