Milano (askanews) - Trentotto eurodeputati in rappresentanza dei 28 Paesi membri hanno visitato l'Expo2015 di Milano. La delegazione, guidata da Czeslaw Adam Siekierski, presidente della Commissione Agricoltura al Parlamento Europeo, ha visitato il padiglione corporate della New Hollande, il Brasile, il cluster del Bio Mediterraneo e quello dell'Unione europea."Tutti parlano di Expo come una vetrina - ha spiegato Michela Giuffrida, membro della commissione Agricoltura del Parlamento Europeo - ma Expo non è una fiera, perché se la interpretassimo in questo modo ne vanificheremmo intenti e obiettivi. È un'opportunità che va sfruttata per far capire che la vera sfida del nostro pianeta è arrivare a una agricoltura sostenibile, ad una alimentazione sostenibile, e far sì che la Terra riesca a offrire cibo a tutti. Un miliardo di persone muoiono di fame, mentre un terzo del cibo prodotto viene gettato via. La sfida di Expo è far sì che si affermi il cibo come diritto dell'uomo, quello che contiene la Carta di Milano".Gli europarlamentari infine sono stati accolti con degustazioni di prodotti tipici e da uno show cooking di un cuoco tunisino, nel cluster del Bio Mediterraneo di cui è capofila la regione Sicilia.