Aleppo (askanews) - C'è una calma quasi irreale per le strade di Aleppo. Dopo anni di guerra nella città più contesa e martoriata della Siria non si sentono i colpi di mortaio che accompagnano la giornata. Tutto scorre con lentezza: la tregua regge, qui e nel resto della Siria, nonostante qualche incidente e i soliti scambi di accuse tra le parti in conflitto.Gli abitanti delle grandi città sono usciti per le strade, i bambini si sono messi a giocare all'aperto, un evento più che mai raro."Il cessate il fuoco in Siria viene nel complesso rispettato nonostante alcuni incident isolati",ha confermato il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon.Il silenzio delle armi permette anche un miglior funzionamento della macchina umanitaria. Un convoglio di dieci camion con aiuti forniti dalle Nazioni Unite è entrato nella località siriana di Moadamiyet al-Sham che prima della tregua era assediata dall'esercito siriano.Anche a Douma si respira un'altra aria da tre giorni a questa parte. "Credo che la tregua in tutto il Paese - racconta un abitante della città siriana - sia un momento per riprendere il fiato dopo cinque anni di guerra violenta e di distruzione perpetrati dal regime di Assad".