Roma, (askanews) - E' stata pubblicata anche una versione turca di Charlie Hebdo perché - secondo il caporedattore Gerard Biard, tra i sopravvissuti al massacro del 7 gennaio - il principio laico della costituzione turca è "sotto attacco" nella Turchia a maggioranza musulmana.L'edizione è apparsa nella forma di un inserto di quattro pagine all'interno del quotidiano di centro-sinistra Cumhuriyet. Secondo Biard, la versione turca è "la più importante" delle cinque edizioni in lingua straniera del primo numero del settimanale satirico francese dopo l'uccisione di 12 persone nella redazione a Parigi. Charlie Hebdo è uscito in sei lingue: oltre all'edizione francese, esistono la versione turca e una versione italiana, mentre le edizioni inglese, araba e spagnola saranno disponibili in digitale.Il numero speciale mostra in copertina una caricatura del profeta Maometto con il cartello "Je suis Charlie" e sotto il titolo "Tutto è perdonato". La stampa turca ha descritto la prima pagina, ma non l'ha ripubblicata.Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nelle ultime settimane è stato fortemente criticato sulla libertà di stampa, in seguito ad alcune perquisizioni avvenute a dicembre in alcuni giornali all'opposizione.(immagini Afp)