Bruxelles (askanews) - La Commissione europea applicherà la flessibilità prevista dal Patto di Stabilità, tenendo conto dei costi per la gestione della crisi dei rifugiati. Lo ha detto il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, durante il dibattito nella plenaria del Parlamento europeo. La valutazione avverrà caso per caso."Dobbiamo rallentare il flusso incontrollato di persone. Questo vuol dire procedere alla registrazione delle persone quando entrano in Europa - ha aggiunto - bisogna informare i rifugiati sulle regole e sulle conseguenze del rifiuto di essere registrato. Io le devo dire: senza registrazione non c'è nessun diritto".Proprio oggi l'Unhcr, l'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati, ha comunicato che sono 700mila i migranti arrivati in Europa attraverso il Mediterraneo nel 2015, e più di 3.210sono morti o ritenuti scomparsi.