Kiev, (TMNews) - "Vi ricordo che io resto l'unico presidente legittimo dell'Ucraina oltre che il comandante dell'esercito. Non ho mai rassegnato le dimissioni, sono vivo e la Costituzione non mi ha mai ritirato i poteri".Viktor Yanukovich, il presidente ucraino deposto e fuggito in Russia, torna a parlare con piglio deciso da Rostov, sul Don. Smentisce le voci di un malore, rincorsesi dopo la sua fuga da Kiev il 22 febbraio, e promette presto il suo ritorno:"Al momento del colpo di Stato io non sono fuggito. Ci sono stati diversi attentati terroristici contro di me che sono tutti falliti. Ora non appena le circostanze lo consentiranno, e credo che accadrà a breve, tornerò senza dubbio a Kiev".Yanukovich, nella sua breve conferenza stampa, ha parlato di "forze oscure" che vogliono far precipitare il Paese in una guerra civile."Sotto la copertura di un governo che si è autolegittimato - ha tuonato - c'è un gruppo di ultranazionalisti e neofascisti che agisce nel Paese e che punta ad occupare la presidenza".