Donetsk (TMNews) - Nonostante le tregua ufficiale, la tensione non è calata nell'est Ucraina dove si continua a sparare e nel cielo continuano ad alzarsi drammatiche volute di fumo. Un portavoce militare di Kiev ha accusato i ribelli filorussi di minacciare il processo di pace intensificando gli attacchi contro le posizioni ucraine, a dispetto del cessate il fuoco proclamato il 5 settembre. "Le azioni dei terroristi minacciano la realizzazione del piano di pace del presidente ucraino" Petro Poroshenko, ha dichiarato Volodymyr Poliovy, precisando che i ribelli prendono di mira i checkpoint dell'esercito ucraino. Al centro delle contese resta l'aeroporto di Donetsk, in mano all'esercito ucraino in una città che però resta la roccaforte dei ribelli. Secondo il portavoce dell'esercito di Kiev i militari avrebbero respinto un assalto dei miliziani filorussi appoggiati da sei carri armati.