Kiev (TMNews) - Un vero e proprio plebiscito per l'indipendenza da Kiev nell'Est dell'Ucraina: come atteso, il referendum organizzato nelle regioni russofone e russofile della parte orientale del Paese ha portato una larghissima maggioranza di "sì" alla secessione. Roman Lyagin, capo del comitato elettorale della regione di Donetsk ha comunicato al mondo i risultati. "A Favore l'89,07%, contro il 10,19%, nullo lo 0,74% delle schede".La comunità internazionale non riconosce la consultazione, e l'Occidente accusa Mosca di essere il regista occulto dell'operazione. Ma i russofili dell'Ucraina vogliono mandare un messaggio molto chiaro: "Le organizzazioni europee - ha aggiunto Lyagin - e i governi del mondo non riconoscono il referendum, ma noi vogliamo che ci ascoltino perché è un referendum voluto dal popolo, che esprime la volontà del popolo".Nel frattempo il governo provvisorio di Kiev ha ripreso le operazioni militari nella regione di Slaviansk. Fonti locali parlano di nuovi bombardamenti e colpi di artiglieria.