Donetsk (TMNEWS) - Gli osservatori dell'Osce scomparsi nell'est dell'ucraina sonodetenuti nella regione di Lougansk e sono prigionieri di guerra.A dirlo è Leonid Baranov, membro del Consiglio di sicurezzadell'autoproclamata dai ribelli filorussi "Repubblica diDonetsk"."Stiamo portando avanti le negoziazioni con l'Osce e l'Onu perprocedere allo scambio di prigionieri. Qui nessuno farà loro delmale, anzi. Noi vogliamo recuperare al più presto i nostriuomini". I filorussi accusano gli osservatori internazionali diessere schierati dalla parte del governo di Kiev."Alcuni di loro avevano munizioni militari, giubbottiantiproiettile. Soprattutto facevano una propaganda ostile cheandava contro gli interessi della repubblica popolare diDonetsk".(immagini AFP)