Roma, (askanews) - Sei soldati ucraini sono strati uccisi e un giornalista è rimasto ferito nella regione di Donetsk, nell'est dell'Ucraina, a due mesi dall'entrata in vigore della tregua prevista dagli accordi di Minsk. Preoccupazione e condanna da parte dei mediatori internazionali dell'Osce. "Abbiamo sentito due esplosioni - afferma Alexander Hug, capo aggiunto della missione d'osservazione dell'Osce in Ucraina - in una di queste è rimasto ferito un giornalista. È stata trovata anche una mina non esplosa che probabilmente lo ha colpito nella parte alta del corpo. L'equipe medica che era con il giornalista è immediatamente intervenuta, le sue condizioni di salute sono buone".La situazione "resta fortemente instabile" ha dichiarato il portavoce militare ucraino Andrii Lyssenko, precisando che oltre ai sei militari uccisi, sono rimasti feriti altri 12 soldati.I vertici della diplomazia tedesca, francese, russa e ucraina, riuniti il 13 aprile a Berlino hanno espresso la loro forte "preoccupazione" in merito alla violazione del cessate-il-fuoco.Immagini: Afp