Istanbul (TMNews) - Le elezioni amministrative in Turchia erano state dipinte come un vero e proprio referendum sul premier Erdogan, da mesi pressato dalle proteste degli oppositori e da scandali di varia natura. Ma nonostante il calo di popolarità, legato a scandali e duri scontri di piazza, il capo del governo di Ankara, ha guidato nuovamente il Partito della giustizia e dello sviluppo al successo elettorale, a fronte di una opposizione che non è stata in grado di convogliare il dissenso nei confronti del premier. E così i sostenitori dell'Akp sono scesi in piazza a festeggiare, mentre Erdogan attacca rivali e i cosiddetti "traditori", che avrebbero voluto la caduta del suo governo islamico-moderato. Ora, secondo gli analisti, per il leader turco l'obiettivo è la scalata alla presidenza della Repubblica.