Ankara (askanews) - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è raccolto in preghiera sul luogo degli attentati di Ankara, quattro giorni dopo gli attacchi suicidi costati la vita ad almeno 97 persone, che partecipavano a una marcia pacifista.Bersaglio di aspre critiche da parte dell'opposizione interna, che lo accusa di avere, direttamente o indirettamente, delle responsabilità in merito alla carneficina di sabato, il presidente Erdogan ha deposto dei fiori al centro del grande piazzale antistante la stazione, laddove due kamikaze si sono fatti esplodere in mezzo ai manifestanti. Al suo fianco il presidente finlandese, Sauli Niiniston, in visita in Turchia.(immagini afp)