Ankara (askanews) - Tre agenti di polizia, un civile e un soldato sono stati uccisi nel Sud-Est a maggioranza curda della Turchia in un attacco attribuito ai ribelli del Pkk, il partito dei lavoratori del Kurdistan. Gli agenti erano impegnati nel pattugliamento in un distretto della città di Silopi, al confine con la Siria e l'Iraq, quando sono stati colpiti da razzi e colpi d'armi da fuoco automatiche.Secondo quanto riferito da un responsabile locale dei servizi di sicurezza, quattro agenti sono stati feriti gravemente nell'attacco, ma tre di loro sono poi deceduti in ospedale.I ribelli curdi hanno annunciato la settimana scorsa la fine della sospensione degli attacchi, decretata in occasione delle elezioni del primo novembre in Turchia. E questa mattina, l'esplosione di un'autobomba al passaggio di un blindato della polizia a Mardin, nel Sud-Est del paese, ha ucciso un dipendente del municipio e ferito un altro membro delle forze dell'ordine.(immagini Afp)