Torino (askanews) - "Del gruppo del Comune di Torino che erano al museo Bardo di Tunisi, sappiamo che c'erano quattro nostre dipendenti e due loro mariti, sei persone in tutto, liberate durante il blitz. Questo è' ciò che ci hanno riferito telefonicamente due di loro, che stanno bene. Non sappiamo degli altri quattro ma questo non vuol dire nulla". Così Gianguido Passoni, assessore al Bilancio e al patrimonio del Comune di Torino, divisione presso la quale lavorano le quattro dipendenti di Palazzo Civico."Siamo in apprensione non solo per i nostri dipendenti. Al Museo c'erano anche altri italiani è una ottantina di torinesi" ha precisato Passoni, concludendo la situazione "e molto delicata, regna il massimo riserbo. Non si sa ancora con certezza il bilancio delle vittime".