Chiedevano soldi per 'evitare' il carcere a parenti delle vittime