Roma, (askanews) - E' stato un rientro dalle vacanze di Natale che non scorderanno facilmente gli studenti dell'istituto professionale Ipsia di San Giovanni Valdarno, nell'aretino: l'impianto di riscaldamento si è rotto, e, dopo alcuni giorni di lezioni alla temperatura di 12 gradi, tutti si sono rifiutati di entrare a scuola. I tecnici della provincia hanno provveduto a una parziale riparazione ma non basta.La vicepreside, Chiara Casucci: "Fare lezione, sia per noi insegnanti che per gli studenti, in queste condizioni è particolarmente gravoso perchè stare fermi a fare una attività ed essere a 10-12 gradi non è tollerabile".Da quattro anni, denunciano studenti e docenti, i termosifoni sono regolarmente disattivati a metà mattinata. E con il totale spegnimento natalizio, l'impianto è andato in tilt. Il racconto di uno dei ragazzi, Gaetano Bifolco:Ups00:05-00:14"Con questo freddo non si può andare a scuola. Ieri faceva così freddo che c'era gente che stava con due sciarpe addosso".