Roma, (askanews) - "Viene fuori la dignità dei veneti, ho visto persone piangere anche per aver salvato la vita. Voglio dire che le tegole sparate da raffiche di vento sono riuscite ad entrare nei muri dei condomini, rompere vetri blindati, dei proiettili veri e propri, una sorta di sparatoria durata dieci minuti. La dignità e la voglia di ripartire deve essere ripagata". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, giunto a Cazzago di Pianiga nel Veneziano, il centro più colpito dalla tromba d'aria.