Venezia (askanews) - Questo video postato su internet da un utente veneto, in breve tempo ha fatto il giro del web mostrando a tutti la violenza della tromba d'aria che mercoledì 8 luglio ha colpito la provincia di Venezia, tra le località di Dolo e Mira, con venti da oltre 250 Km/h. Il bilancio è di un morto e 72 feriti. Le drammatiche immagini che state vedendo sono state girate poco dopo e mostrano la potenza devastante del fenomeno.Così il governatore del Veneto Luca Zaia: "Viene fuori la dignità dei veneti - ha detto - ho visto persone piangere anche per aver salvato la vita. Voglio dire che le tegole sparate da raffiche di vento sono riuscite ad entrare nei muri dei condomini, rompere vetri blindati, dei proiettili veri e propri, una sorta di sparatoria durata dieci minuti. La dignità e la voglia di ripartire deve essere ripagata".Il premier Matteo Renzi ha telefonato a Zaia per esprimere vicinanza e cordoglio per i morti e per fare il punto della situazione nei luoghi colpiti.Il governatore, intanto, ha decretato lo stato di emergenza anche se non sono stati ancora quantificati i danni che - ha spiegato - sono comunque molto ingenti.Zaia ha voluto ringraziare quelli che ha chiamato "gli angeli delle macerie" che, come accadde per l'alluvione di Firenze si sono messi subito al lavoro, per ripulire le strade e i campi dalle macerie.