Roma, (askanews) - Per il giudice dell'udienza preliminare di Palermo, Marina Petruzzella, l'ex ministro della Dc, Calogero Mannino non è colpevole di aver avuto un ruolo nella trattativa Stato-mafia. La sentenza, emessa al Palazzo di giustizia di Palermo, si rifà agli articoli 438 e 530 del codice di procedura penale, ovvero non aver commesso il fatto così come ascrittogli."Assolve l'imputato dal reato per non aver commesso il fatto così come ascrittogli".Dopo la lettura della sentenza, il pool di pm che ha sostenuto l'accusa ha preferito non rilasciare dichiarazioni. In aula non era presente l'imputato, difeso dagli avvocati Grazia Volo, Nino Caleca e Marcello Montalbano. Per Mannino, unico imputato del processo a scegliere il rito abbreviato, la Procura aveva chiesto 9 anni e l'interdizione perpetua dai pubblici uffici, con l'accusa di violenza o minaccia a corpo politico dello Stato.