Roma, (askanews) - Silenzio e preghiera. I frati francescani della Basilica di Santa Croce si dicono profondamente addolorati per l'accaduto e offrono preghiere per la famiglia del turista spagnolo, morto in seguito alla caduta di un frammento che si è staccato, da un'altezza di 26 metri, all'interno della basilica di Firenze.

Padre Paolo Maria Bocci è da settembre 2017 il padre guardiano: "La nostra comunità sta vivendo con sofferenza e costernazione per il tragico incidente che ha colpito Daniel. Subito dopoi i primi soccorsi, ci siamo prodigati come comunità, insieme al servizio d'ordine e all'Opera, per arrecare consolazione e sostegno alla moglie del turista spagnolo. Poi ci siamo messi in preghiamo, e abbiamo celebrato una messa in suffragio. Credo che in queste situazioni non ci sia bisogno di tante parole, ma esprimiamo tutta la nostrta vicinanza alla famiglia, e affidiamo all'intercessione di San Francesco l'anima di Daniel".

La basilica è ora chiusa; la magistratura indaga per omicidio colposo a carico di ignoti. Dall'Opera, oltre ad esprimere in un comunicato profondo cordoglio, fanno sapere che al momento ci sono contatti con gli ufficiali e la magistratura.