Il n.10 della Roma parla del suo futuro, almeno a medio termine