Genova (askanews) - "Renzi ha detto che se perde il referendum va a casa, quindi credo che il primo a trarre le conseguenze del voto sarà lui stesso. Se perderà il referendum ritengo che un governo serva perché c'è da fare una legge

elettorale". Lo ha detto il governatore della Liguria e consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti, parlando del referendum di ottobre a margine di una conferenza stampa a Genova.

Secondo Toti, serve "un governo tecnico del presidente che duri il minor numero di mesi possibile per fare la legge elettorale, con quel compito specifico e basta. Un governo tecnico - ha spiegato - che riunisca tutte le forze politiche perché avere una legge elettorale funzionante è un obbligo che i partiti e il

parlamento devono ai cittadini".

"Dopodiché - ha sottolineato il consigliere politico di Forza

Italia - nessun inciucio, nessun pasticcio, nessun governo con

Renzi. Escludo che questa sia la visione di qualcuno in Forza

Italia e men che meno del presidente Berlusconi".

"Un governo tecnico - ha ribadito Toti - squisitamente votato a fare la legge elettorale in un numero di settimane molto limitato e poi nuove elezioni in cui finalmente gli italiani si possano esprimere. Per tornare al governo di questo Paese - ha concluso - servirà un centrodestra coeso, compatto, con una piattaforma politica e una classe dirigente migliore di quella di Renzi".