Genova, 16 ott. (askanews) - "Renzi alza la voce con l'Europa mabisogna vedere se l'Europa lo starà a sentire. Fino ad orafrancamente non ho visto grandi risultati né durante il suosemestre europeo né durante la nostra crisi dei migranti cheperdura ancora oggi. Fa bene ad alzare la voce ma temo resteràun grido nel deserto". Lo ha detto il presidente della RegioneLiguria e consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti,parlando della legge di stabilità appena varata dal governo, amargine di una conferenza stampa a Genova."La legge di Stabilità - ha affermato Toti - mi sembra il solitogiochino delle tre carte: la spending review si è persa insiemeai numerosi tagliatori che sono arrivati a Palazzo Chigi ma sonoscomparsi nel nulla. Stiamo parlando veramente di cifre irrisorieper quanto potrebbero dimagrire i nostri ministeri a Roma"."Ancora una volta - ha sottolineato il consigliere politico diForza Italia - vengono strangolati gli enti locali, Regioni eComuni, con tagli importanti che dovremo vedere quantoincideranno sui nostri bilanci. Francamente - ha aggiunto - nonmi sembra una legge all'altezza della situazione internazionaleche potrebbe permettere di cogliere un po di ripresa e rianimareanche il mercato interno oltre che le esportazioni. Mi sembra unsostanziale gioco delle tre carte"."D'altra parte - ha detto ancora Toti - anche la pressionefiscale nei documenti del governo non cala in modo deciso, forsequalche decimale il prossimo anno per crescere ancora nel 2017.Quell'inversione di tendenza rispetto alle tasse non c'è stata.Renzi sostiene che le tasse sono da tagliare ma di fatto non lofa", ha concluso il governatore ligure.