Roma, (askanews) - La Regione Liguria si ispirerà al modello lombardo per migliorare la propria sanità, incentivando anche la concorrenza tra pubblico e privato convenzionato per fornire servizi di maggiore qualità senza pesare sulle tasche dei cittadini. Lo ha annunciato il governatore della Liguria, Giovanni Toti, a margine della presentazione del Libro Bianco sulla sanità ligure, un documento che contiene le linee guida per gli operatori del settore."Il peso dei privati nella sanità pubblica in Liguria equivale a zero mentre la concorrenza tra pubblico e privato credo sia il sale per migliorare le cose. Nell'arco di questi 5 anni faremo in modo che il privato pesi un po di più", ha detto Toti parlando coi i giornalisti a margine di un'incontro con il governatore lombardo Roberto Maroni. "Stiamo parlando di privato convenzionato che per il cittadino vuol dire migliori servizi e nessun costo aggiuntivo, spesso con un risparmio anche per le casse dell'erario".La presentazione è avvenuta nella sede della Regione Liguria, alla presenza del governatore lombardo, Roberto Maroni, in occasione dell'incontro della commissione bilaterale tecnica Liguria - Lombardia prevista dall'accordo di collaborazione in materia di politiche sociosanitarie stipulato tra le due Regioni."E' un primo passo per assumere alcune delle best practice, delle migliori pratiche della Regione Lombardia, che in questo campo è certamente un'eccellenza non solo italiana ma a livello europeo - ha spiegato Toti - è anche un momento di confronto per capire in cosa potremmo noi essere utili alla Lombardia in un sistema di intescambio e di messa a sistema delle regioni".