Genova (askanews) - "Non so se ci saranno ripercussioni. Quando votano 13 milioni di italiani è sempre un test. Talvolta si discute per giorni interi di sondaggi e quando votano milioni di italiani, numerosi capoluoghi di ex province, numerosi capoluoghi di regione, la capitale del nostro Paese, la prima città per traino economico che è Milano e Napoli credo che sia certamente un test dell'umore del Paese". Lo ha affermato il governatore della Liguria e consigliere politico di Forza Italia, Giovanni Toti, commentando le parole del premier Renzi, secondo cui le elezioni di domenica non saranno un test sul governo.

"Penso - ha detto Toti - che l'umore del Paese non sia buono perché questo governo, lungi dall'azzeccare un'agenda economica che faccia ripartire occupazione, produzione e consumi, perde tempo in una campagna referendaria che è partita con largo anticipo, 6 mesi prima del dovuto e che si trascinerà per i prossimi 6 mesi, sviando da quelli che sono i veri problemi delle imprese e delle famiglie".

"Quindi - ha aggiunto il consigliere politico di Forza Italia - è certamente un test sul governo ed un test sulla fiducia degli italiani per la ripresa possibile del Paese. Che abbia ripercussioni sull'esecutivo, essendo io all'opposizione, francamente non saprei dire. Ognuno - ha concluso Toti - farà le proprie valutazioni".