Milano, (TMNews) - "La governance è governance, esistonole leggi che la regolano e gli statuti all'interno della società, non esiste un femminile e un maschile". Così Luisa Todini, neopresidente di Poste Italiane e consigliere di amministrazione della Rai, è intervenuta al convegno organizzato da Valore D sulle opportunità e sfide per la governance in tempo di crisi, parlando della presenza delle donne nei cda delle società italiane."C'è un modo di esercitarla certo - ha proseguito - noi donne siamo geneticamente più accudenti, quindi forse riusciamo o dovremmo riuscire a vedere un po più a 360 gradi quelli che sono le necessità, però non esiste una governance di genere". "Certo - ha concluso - attraverso la legge Golfo-Mosca, è inutile negarlo, oggi tante donne si trovano a gestire anche i vertici". Poste Italiane, ha spiegato la Todini, "ha una presenza femminile già superiore al 50%, sono il 53% le donne che lavorano in Poste, stiamo parlando 78mila donne". E' un azienda "estremamente femminile - ha proseguito - anche a livellodi tutela, di tutela della maternità, di congedi parentali, di attenzione al telelavoro e alla gestione di una rete che possa venire incontro a quella che è la caratteristica della donna e quindi a una gestione della famiglia più appropriata".