Brescia (askanews) - La polizia di Brescia ha arrestato quattro kosovari residenti in Italia, accusati di apologia del terrorismo e istigazione all'odio razziale. Il blitz è stato condotto in collaborazione con la polizia kosovara e ha portato all'arresto di quella che gli inquirenti definiscono "una compagine terroristica che, anche attraverso l'uso dei social network, propagandava l'ideologia jihadista". In particolare gli arrestati avevano esaltato gli attentati di Parigi e avevano lanciato dirette minacce a Papa Francesco, scrivendo, per esempio frasi come "questo sarà l'ultimo Papa".Colui che viene ritenuto la mente del gruppo è stato arrestato in Kosovo dalle autorità locali, mentre gli altri tre sono stati presi in Italia. Nell'ambito del blitz sono state effettuate altre perquisizioni a Brescia, Vicenza e Perugia. Nei confronti di uno dei fermati stata inoltre adottata per la prima volta la misura della sorveglianza speciale per terrorismo su richiesta del Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo.