Roma, (askanews) - "Nessuna sottovalutazione e nessun allarmismo". Con queste parole il ministro dell'Interno Angelino Alfano, a margine della Conferenza Unificata, ha risposto a una domanda sull'allarme lanciato dall'Fbi in merito al rischio di azioni terroristiche a Roma e in altre città italiane.Il ministro ha ricordato: "Noi abbiamo una forte cooperazione con i paesi amici e con i nostri alleati, anche all'interno dell'Unione europea, quindi è assolutamente normale che chi è a consocenza di informazioni intanto le dia, perché, dal punto di vista della cautela, è corretto così".Poi, ha aggiunto Alfano, "compete a noi gestirle e lo abbiamo fatto con il consueto metodo: nessuna sottovalutazione e nessun allarmismo".Il ministro ha spiegato che "i nostri analisti e i nostri inquirenti ci stanno lavorando, noi assicuriamo - ha concluso - che il livello di allerta è quello che abbiamo annunciato e, ove possibile, il presidio di sicurezza è ancora più forte già da ieri pomeriggio".