Mosca (TMNews) - Torna la paura in Russia: una donna kamikaze si è infatti fatta esplodere nella stazione ferroviaria di Volgograd, nel sud del Paese, ai confini con il Caucaso. Una telecamera ha immortalato il momento dell'esplosione, che ha provocato almeno 18 morti oltra a decine di feriti. Una vera e propria strage di fine anno, che gli inquirenti attribuiscono al terrorismo islamico e che porta ai massimi livelli l'allerta a Mosca in vista dei Giochi olimpici invernali di Sochi. Il presidente Putin ha immediatamente disposto l'innalzamento delle misure di sicurezza. La zona caucasica resta però molto calda, due mesi fa un altro kamikaze proveniente dal Daghestan si era fatto esplodere su un autobus, uccidendo sei studenti.