Parigi (askanews) - Un cittadino europeo su cinque ha paura di volare. In questo centro a Roissy, alle porte di Parigi, si combatte l'ansia da volo attraverso degli stage. I "pazienti" sono messi ai comandi di un simulatore, lo stesso utilizzato dai futuri piloti per addestrarsi. All'interno della cabina di pilotaggio si riproducono tutte le tappe di un volo. Dal decollo all'atterraggio"Si sentono dei rumori e delle vibrazioni ma è piacevole poter vedere tutto, mentre da viaggiatore sui sedili è tutto stretto e limitato". L'idea alla base dello stage è mostrare la solidità di un aereo: le turbolenze che terrorizzano i passeggeri più ansiosi, spostano il velivolo di pochi centimetri. E anche in caso di panne gli aerei possono proseguire tranquillamente il viaggio"Si può decollare e atterrare con un solo motore", ha spiegato l'istruttore. Stage come questo si moltiplicano in Francia e la domanda aumenta dopo ogni nuova scaigura aerea. Per vincere la paura gli psicologi tentano di far prevalere nei pazienti il lato razionale su quello emotivo. "Bisogna capire perché le turbolenze non sono pericolose e sapere come si comporta un pilota in casi do nebbia. L'esperienza sul simulatore serve a dare queste risposte copncrete", ha concluso un formatore del Centro di trattamento contro l'ansia da volo.(immagini Afp)